6° Trofeo ‘Marisol Corda’ Luras, 15 giugno 2008

fa7696a375ee3bef2eea1851a0ff32fe.jpgBellissima manifestazione oggi in quel di Luras dove si è percorsa la 1^ Maratonina degli Olivastri Millenari, gara su strada molto suggestiva sulla distanza di 15,200 km che dal centro di Luras portava a San Nicola, presso gli olivastri millenari sul lago del Liscia.

Bellissimo il paesaggio, gara molto dura con fastidiosi e lunghi tratti di discesa, sopratutto nella prima parte dove si doveva correre per giunta su sterrato.

Il clima ha aiutato i numerosi atleti, infatti la giornata si presentava non molto calda e ventilata…..

Numerosa la rappresentanza della nostra società, ben 26 atleti presenti con alcuni di essi presenti anche sul podio.

Bene anche il ristoro dopo gara, in compagnia di tantissimi amici con i quali abbiamo passato come al solito un pomeriggio meraviglioso…

Per la cronaca iniziamo dalle F35, ben 3 presenti, la solita Patrizia Mureddu 1^, Adele Simula 3^ e Angela Becciu 8^, mentre nelle F40 Franca Campanella chiude con un bel 6° posto.

Negli M35 buon podio (1°) per Gianluca Mosca, l’ultra maratoneta Salvatore Cordedda 7°, Vittorio Carboni 9°, Alesandro Erre (nella foto) 12° mentre Tore Scanu 15°.

I cinque M40 invece si sono piazzati in quest’ordine: Luca Sanna ottimo 3° posto podio anche per lui, bene anche Giampiero Fiori 9°, Roberto Langiu 12°, Pier Luigi Salis 15° chiude Paolo Usai 20°.

M45: Andrea Burreddu 6°, Mauro Auci 21° e Giuseppe Salis 25°.

Salendo in su con le categorie, nella numerosa M50 troviamo Leonardo Nieddu che chiude 6°, 8° invece Gigi Casula, Costanzo Solinas 16° mentre Gavino Morittu 18°; Mario Canopoli sempre per la stessa categoria si piazza invece 25°.

Nella Categoria M60 Bachisio Denti 2°, Pinuccio Cherchi 9°. Infine nella categoria TM da segnalare l’undicesimo piazzamento di Alessandro dettori. ………….

 

6° Trofeo ‘Marisol Corda’ Luras, 15 giugno 2008ultima modifica: 2008-06-14T12:20:00+02:00da ramiro.sca
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “6° Trofeo ‘Marisol Corda’ Luras, 15 giugno 2008

  1. Per quanto mi riguarda non ho apprezzato il percorso sopratutto per le ripide discese ma il peggio è stato dato durante il rinfresco dove oltre a centellinare il mangiare per paura di non accontentare tutti, abbiamo assistito allo show di alcuni improbabili addetti all’organizzazione che con modi eccessivamente sgarbati ci hanno invitato a non chiedere niente altro e a recarci nei bar della zona.
    Avrei piacere che chi realmente si è sacrificato per la riuscita della manifestazione, e parlo del gentilissimo signor Careddu, portasse con se alla prossima gara di Corri Nuoro oppure al trofeo Monte Acuto Marathon queste persone affinchè imparino come ci si comporta in questi contesti.
    Sono i master che rendono vivo il nostro ambiente e nessuno di noi dopo una settimana di lavoro ha voglia di alzarsi presto e portare con se la famiglia per poi sentirsi dire frasi imbecilli da chi con il nostro ambiente non c’entra niente.
    Gentile signor Careddu le chiedo l’accortezza di intendere il mio sfogo come una critica costruttiva e le auguro di poter continuare a organizzare la minifestazione nel migliore dei modi.
    Da parte mia manterrò la promessa fatta al vostro pseudo collaboratore di non rimettere più piede a Luras, eviterò di farmi il sangue acido e farò star meglio anche la mia famiglia.
    Buon divertimento…………………………..

  2. Caro Paolo leggo il tuo commento della nostra manifestazione e vedo che non hai gradito il percorso per le ripide discese , perciò mi chiedo se eri presente a Ozieri , a Tempio, o Ghilarza ,o forse non hai osservato l’altimetria del programma che rispecchiava esattamente il percorso ,va bene può succedere , spero almeno che avrai apprezzato il panorama, il lago, gli olivastri ,di cui tenevo molto farvi vedere a tutti voi ,
    ma leggo dal tuo commento che và direttamente al rinfresco ,cosa più essenziale per rendere una manifestazione ok.
    caro paolo mi rendo conto dalle tue parole che non hai alle spalle nessuna esperienza
    quanto riguarda l’organizzare una manifestazione , queste cose purtroppo succedono dobbiamo essere noi prima di tutto a comportarci correttamente e comprendere in questi casi chi stà lavorando per noi da settimane .
    saluti Giovanni Careddu.

  3. Caro Giovanni colgo tra le tue righe una sorta di risentimento che credimi in questi casi non aiuta certo a farti capire cosa realmente sia successo domenica pomeriggio.
    Fermo restando l’indubbia bellezza di quel tratto di sardegna che ci ha permesso di apprezzare ancora di più la gara, devo dirti che io personalmente, da buon tapascione, non ho gradito le difficoltà che il percorso mi ha presentato ma che giustamente ha impegnato chi di corsa se ne intende e quindi non io.
    Il fatto di parlare direttamente del party è dovuto al fatto che non solo io ma molte persone erano visibilmente offese dal comportamento di persone che sono state coinvolte per aiutare ma il personaggio che si è rivelato un autentico maleducato ha creato malcontento e discussioni con molte persone e non sono con me.
    Comunque per evitare ulteriori discussioni preferisco chiuderla quì.
    Le rimostranze si fanno per cercare di migliorare una situazione che non va bene, se vuoi prendile come tali altrimenti fai come meglio credi.
    Ti saluto senza risentimenti.

  4. Ciao Paolo….. (quale Paolo sei ??)
    Io non ero a Luras e quindi non posso dare giudizi diretti su come sia andata. Come organizzatore di manifestazioni so bene che non tutto fila liscio come si vorrebbe, a volte, la stanchezza e lo stress purtroppo portano a commettere errori nei confronti degli ospiti. Hai citato la nostra gara di Nuoro e ti ringrazio, pero’ non ti nascondo che ho anche io ricevuto una critica analoga a quella che fai tu. In pratica a Nuoro uno degli addetti alla distribuzione e’ stato scortese con una persona che chiedeva qualcosa da mangiare (ora non ricordo i dettagli) e la “vittima” e’ venuta (giustamente) a lamentarsi con me che sono il (modesto) presidente. Perche’ ti dico questo? Perche’ ci sono due cose importanti secondo me che voglio evidenziare: 1) le critiche positive o negative vanno fatte su questo non c’e’ dubbio. Non parlare sarebbe molto peggio e quindi hai fatto bene ad esprimerti.
    2) promettere di non tornare e’ un grosso errore. troppo duro e drastico. Secondo me sbagli. Te lo dico perche’ forse non valuti il fatto che chi lavora per organizzare lo fa nei ritagli di tempo, rubando il tempo alla famiglia e al lavoro, spesso sotto stress per la paura che qualcosa vada male e, cosa importantissima, non lo fa di mestiere. Allora ti chiedo di capire, accettare eventuali sbagli organizzativi e promettere di tornare a quella manifestazione. Tornarci dovrebbe essere quasi un obbligo, magari proprio per vedere se l’edizione successiva e’ migliorata. Ricordati che si lavora e si corre in un rapporto fra amici, non siamo nell’ambito di un rapporto cliente-fornitore dove giustamente il fornitore che sbaglia viene subito sostituito. Nel nostro mondo e’ diverso e serve questo rapporto di reciproca comprensione. Ti faccio un altro esempio, se sei stato ad Olbia credo che anche tu abbia corso nel traffico, vai a leggere cosa ho scritto come commento su http://www.amatorinu.it, dopo che per due volte ho rischiato di essere investito sono stato molto duro con l’organizzazione. Ho anche parlato con gli organizzatori e spero, di essere stato capito. Mi sono anche reso conto che, nella mia critica, tralasciavo i tanti aspetti positivi (mio errore) che nella gara di Olbia certamente erano presenti. Ma nel mio calendario personale, la gara di Olbia 2009 e’ al primo posto, devo esserci per vedere come va. Pensaci anche tu, certamente Luras non si riduce ad una singola persona che e’ stata sgarbata, ci sono stati certamente tanti aspetti positivi. Prendi Luras 2009 come l’impegno piu’ importante, parla con Giovanni e contribuisci, da “utente” (passami il termine), al miglioramento, non tanto di quella singola manifestazione, ma di tutto il nostro ambiente podistico.

    Un caro saluto e…. non dimenticare di dirmi/dirci che Paolo sei.

    Massimo Zara

  5. Che scorpacciata di foto!!! 1383. Il vostro fotografo non si è risparmiato.. Chi sarà stato più stanco?! Noi atleti o il suo indice destro?!
    Paolo non concordo con il tuo primo commento, nel senso dei toni catastrofici in cui hai disegnato la domenica di Luras. Io non ho avuto i tuoi problemi forse perchè terminate le premiazioni mi sono fiondato dove si stavano mettendo in fila, ponendo anche che non si voglia fare un’ulteriore corsa per mangiare non si può criminalizzare l’organizzatore se uno o più persone non si comportano correttamente e stroncare la gara, con un NON METTERO’ PIU’ PIEDE A LURAS, spero fosse solo dettato dal momento di nervosismo e dalla scrittura d’impulso che ti ha portato a scrivere quel pezzo.
    Nel secondo poi ti sminuisci definendoti tapascione e che quindi non ti intendi di corse di percorsi ecc. MA QUANDO MAI! Io sono sempre convinto che Oualid o chi come lui taglia il traguardo tra i primi e gli ultimi facciano la stessa fatica se non forse maggiore, abbiano gli stessi diritti (rifornimenti, applausi, incoraggiamenti), le stesse condizioni e che tutti si preparino al meglio sapendo quale percorso l’attende, se non tramite il sito Fidal o di chi organizza, tramite i compagni di società che con il passaparola mettono in guardia gli altri o semplicemente danno indicazioni sulla tipologia della gara..
    Dopo qualche giorno spero che tu possa valutare con più serenità l’accaduto.
    Fausto Deandrea

    P.S. Paolo mi sono sentito in dovere di dire la mia, sono di Ghilarza e non di Luras, il mio commento non è di parte nel senso che sono privo di conflitti di interessi.. finchè non si parla del Guilcer ovviamente!:-)

  6. Anchio purtroppo non ero presente a Luras, ma sentiti i commenti degli amici deduco che il tutto sia andato per il meglio..Il problema posto da Paolo è comunque abbastanza importante , dovuto al fatto che paoloè una persona di per se gentilissima e educatissima e pertanto ha sofferto maggiormente il problema ..Io penso che Giovannino avrà già parlato con il”colpevole” e stigmatizzato l’accaduto.Son anche convinto che non è bene rinunciare ad andare a Luras per colpa di uno , anche perchè Luras è una società amica , molto vicina alla nostra, con la quale abbiamo ottim rapporti di amicizia che vanno ben oltre la corsa ..Pertanto chiedo all’amico Paolo di soprassedere e di ripensarci a mente ancora + fredda ed eventualmente chirire le cose con il presidente Giovannino e tutto andrà per il meglio…..

  7. Ciao a tutti, volevo intervenire anche io per quanto riguarda il “fatto” di Luras visto che io ero presente: è vero Paolo che la persona addetta alla mescita della birra è stata molto scortese ma, è anche vero che qualcuno nello stesso istante ha rimediato offrendoci da bere….
    lo stesso ragazzo è stato ripreso anche da me, lui si è spiegato, è stato stressato da qualcuno e quindi in quel momento ha risposto in quella maniera anche se sbagliata.
    Per quanto riguarda il percorso, io sono del parere che ogni organizzatore debba organizzare la gara libero da ogni critica sul percorso, in quanto una serie di motivi porta a certe scelte, vedi conformazione del territorio, chiusura delle strade al traffico, esigenze di sponsor, fantasia da parte degli organizzatori che comunque pensano sempre di fare qualcosa di gradevole per tutti, ma sopratutto ogni gara si identifica per essere quella e diversa dalle altre, altrimenti dovremmo organizzarle tutte uguali(magari in pista!!!)… Questo è il mio parere.
    Per quanto riguarda Giovannino, abbiamo fatto una lunga chiaccherata dopo la gara, abbiamo parlato delle cose positive e negative che sono sempre legate però alle sensazioni individuali di ognuno di noi (qualità del percorso, ristoro, rinfresco, paesaggio, ospitalità ecc.), però voglio dire a Giovannino che noi organizzatori dobbiamo cogliere le critiche anche di un solo atleta perchè servono alla crescita delle future manifestazioni, una critica vale più di cento elogi….
    Quindi secondo me dobbiamo tutti collaborare alla buona riuscita delle gare, organizzatori e atleti, in allegria e amicizia come è il clima che stiamo costruendo di gara in gara….
    Paolo ci vediamo di nuovo a Luras nel 2009….

  8. Perfettamente d’accordo con Tore per la libertà di scelta dei percorsi. L’anno scorso a Luras non sapete quanto abbia odiato quel birillo utilizzato per il ritorno in piazza! Per la mia scarsissima agilità ogni volta ripartivo da fermo triplicando lo sforzo eppure quest’anno ero di nuovo lì con percorso straordinario in un contesto meraviglioso!

  9. Ciao a tutti. sono un atleta non presente alla manifestazione di luras e vorrei dare il mio contributo a questa discussione che si sta complicando inutilmente.
    dopo un mio scherzo mal interpretato mi ero ripromesso di non scrivere più in un sito , ma non posso sopportare che due amici con buoni propositi non si capiscano.
    innanzi tutto vorrei spiegare chi è paolo. Una persona che si fà in quattro per dare una mano quando c’è bisogno, uno impegnato nel volontariato , una persona garbata e gentile con tutti .
    ha fatto la critica solo ed esclusivamente per essere costrutiva, per evitare che una testina il prossimo anno sminuisca con altri atleti una bellissima manifestazione.
    Ora parliamo dell’altro amico. caro giovanni , non ci conosciamo ma per il solo fatto che rubi tempo al lavoro e alla famiglia per organizzare manifestazioni che non ti fanno guadagnare niente ma che portano solo grandi tensioni, sei una persona meravigliosa.
    sono sempre poche le persone che si prestano gratuitamente a organizzare qualcosa per gli altri, solo per sentirsi fare i complimenti dai partecipanti e da altri organizzatori.
    è vero, dispiace quando qualcosa su cui hai sudato , su cui hai speso tante energie, non viene apprezzata in tutto e per tutto; la cosa che da più fastidio è che le critiche normalmente vengono da chi non ha mai combinato niente , ma nel caso di paolo , essendo anche lui uno come te che organizza , non voleva essere un rimprovero , ma semplicemente un aiuto per la prossima luras e conoscendo paolo, so che alla prossima edizione sarà presente e verrà a stringerti la mano per complimentarsi con tutti voi.
    grazie a tutti gli organizzatori . ciao

  10. SONO PEPPINO SANNIO HO LETTO I PARERI PER QUATO RIGUARDA LA GARA DI LURAS DOVE ANCHE IO HO AVUTO PIACERE DI PARTECIPARE, SONO D’ACCORDO PER SEGNALARE DELLE ANOMALIE PER CERCARE DI MIGLIORARE LE COSE, MA MI SEMBRA CHE CI SIANO SOLO CRITICHE E NON E’ GIUSTO, SULLA PERSONA CHE SI E’ DIMOSTRATA POCO GENTILE CERCHIAMO DI CAPIRLA, SI LAVORA MOLTI GIORNI PRIMA DELLA GARA, IL GIORNO STESSO DELLA COMPETIZIONE SI E’ TROVATO UNA MAREA DI GENTE E NON TUTTI EDUCATI E DISCIPLINATI NEL CHIEDERE LE COSE, COME SE TUTTO CI E’ DOVUTO SOLO PERCHE’ ABBIAMO CORSO. PER QUANTO RIGUARDA IL PERCORSO, NON VEDO COSA CI SIA DA CRITICARE, LE DISCESE E LE SALITE CI STANNO NON CI VIENE IMPOSTO DI CONCLUDERE LA GARA IN UN DETERMINATO TEMPO CHE POTREBBE RISULTARE INSUFFICIENTE PER ARRIVARE AL TRAGUARDO E POI ANCHE OZIERI E GHILARZA MICA ERANO PIANEGGIANTI. PER PARLARE DI CONSIGLI IO MI SONO PERMESSO DI DARNE A MASSIMO ZARA PER LA GARA DI NUORO E DA PERSONA CAPACE E INTELIGENTE HA GRADITO TALI INDICAZIONI, NON ERANO CRITICHE, QUELLE SONO SEMPRE FACILI, E NON SI RISPETTA IL LAVORO CHE SI FA’. MA NON DIMENTICHIAMO CHE ALLA BASE DI TUTTO E’ IL DIVERTIMENTO DI CORRERE, CHE NESSUNO CI IMPONE DI FARE MA E’ UNA NOSTRA SCELTA DI CHE CI LAMENTIAMO. UN SALUTO A TUTTI COLORO CHE SEGUONO QUESTO SITO, CIAO DA PEPPINO DELLA ALGHERO MARATHON.

I commenti sono chiusi.